MENU

Gesù e la storia
casa editrice il pozzo di giacobbe
gli anni difficili
Gesù e i messia di Israele

AGENDA

Precedente
Dicembre
2017
Prossimo
L
M
M
G
V
S
D
27
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Link Utili

il pozzo di giacobbe

VII Giornata di studi sulla storia del cristianesimo - Napoli, 11-12 aprile 2011

Data:

  • 28/02/2011

Descrizione:

  • Il 21 febbraio del 2010 la Conferenza Episcopale Italiana ha pubblicato il documento “Per un Paese solidale. Chiesa italiana e Mezzogiorno”. In quel testo vi era un invito al ricordo di quanti sono stati uccisi per aver promosso la causa della giustizia. E vi era anche un preciso impegno a riettere sulla testimonianza di don Puglisi, di don Diana e del dottor Livatino:

    «Vogliamo ricordare i numerosi testimoni immolatisi a causa della giustizia: magistrati, forze dell’ordine, politici, sindacalisti, imprenditori e giornalisti, uomini e donne di ogni categoria. Le comunità cristiane del Sud hanno visto emergere luminose testimonianze, come quella di don Pino Puglisi, di don Giuseppe Diana e del giudice Rosario Livatino, i quali – ribellandosi alla prepotenza della malavita organizzata – hanno vissuto la loro lotta in termini specificamente cristiani: armando, cioè, il loro animo di eroico coraggio per non arrendersi al male, ma pure consegnandosi con tutto il cuore a Dio. Riflettendo sulla loro testimonianza, si può comprendere che, in un contesto come quello meridionale, le ma-e sono la configurazione più drammatica del “male” e del “peccato”. In questa prospettiva, non possono essere semplicisticamente interpretate come espressione di una religiosità distorta, ma come una forma brutale e devastante di ri-uto di Dio e di fraintendimento della vera religione: le mafie sono strutture di peccato. Solo la decisione di convertirsi e di ri-utare una mentalità ma-osa permette di uscirne veramente e, se necessario, subire violenza e immolarsi» (9).

    Per questi motivi l’Istituto di storia del cristianesimo della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale (sezione san Luigi) ha deciso di dedicare la VII Giornata di Studio al tema del ricordo e della riflessione su quelle testimonianze per evitare che esse siano cancellate, restino sconosciute o vengano presentate come figure destinate a rimanere isolate. Livatino, Puglisi, Diana – tutti uccisi da mafia o camorra agli inizi degli anni ’90 – ci mostrano invece la possibilità di resistenza e di speranza a partire dal Sud, contro la tentazione del silenzio e della rassegnazione. La Giornata di Studio si pone l’obiettivo di offrire ascolto e recupero alle memorie disperse e lacerate, ri-utando slogan o parole d’ordine che alimentano una retorica grossolana o oleografica. Una proposta di rigorosa ricostruzione della vicenda storica di un impegno civile ed ecclesiale di cui Livatino, Puglisi e Diana sono stati testimoni credibili ed esemplari.

     

    Per il programma dettagliato consulta la locandina:

    public/LocConvegno2011bs.pdf

     

    Per iscriverti invia una mail a:

    segreteria@storiadelcristianesimo.it